Creative Commons License This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

Saturday, 15 June 2013

Notiziario dalla Grecia #11 - 8 giugno 2013

Tra le notizie di questa settimana di # rbnews internazionale:
  • Un rifugiato curdo ad Atene viene dirottato, direttamente, tra le braccia della polizia turca
  • La giornalista canadese Naomi Klein ha visitato la fabbrica autogestita di Skuries
  • Un decreto presidenziale vieta le piccole manifestazioni in Grecia
  • Alba Dorata, presenta un disegno di legge per rendere reato il razzismo contro i greci
  • Libro bianco dei fotogiornalisti greci sulla violenza della polizia contro i giornalisti, è stato censurato dal Parlamento Europeo
  • Minacce del vescovo di Salonicco contro il Gay Pride e chiamata alla detenzione di transgender
  • Una clinica sociale di Atene è stata minacciata dall'ufficio stampa della società elettrica statale.
1. Sequestro del curdo rifugiato ad Atene

Il 31 maggio, con un comunicato stampa firmato da organizzazioni, gruppi e organizzazioni non governative che si occupano di diritti dei rifugiati, è stato condannato il rapimento nel quartiere di Atene Exarchea, del richiedente asilo in Grecia, Bulut Yayla . Nel comunicato stampa si afferma che dopo aver lasciato un ristorante curdo , cinque uomini sono saltati fuori da una macchina parcheggiata nei pressi del ristornate, da diverse ore. Gli uomini hanno picchiato il migrante, imbavagliato e poi rapito. Gli avvocati, agenzie, gruppi di solidarietà e deputati hanno preso contatto con le varie agenzie di stato che possono essere state coinvolte. La polizia ha negato di essere a conoscenza dei fatti, anche se testimoni avevano chiamato in serata le forze dell'ordine per chiedere un intervento.

Una descrizione dettagliata del rapimento, compreso il numero di immatricolazione del veicolo dei rapitori, è stato pubblicato su Indymedia da un testimone oculare. Si è scoperto che l'auto appartiene alla polizia greca. La polizia ha continuato, tuttavia, a , mentre il capo della polizia ha ordinato l'avvio di un'inchiesta.
Secondo le informazioni a conoscenza di Radiobubble indicano che non ci sono prove di un transito in aeroporto di Yayla Bulut, circostanza che rafforza la tesi del rapimento e della successiva estradizione del curdo in Turchia.

Il movimento "Espellere il razzismo" ha rivelato che secondo la polizia turca che ha parlato con gli avvocati delle associazioni, Bulut Yayla è ora in custodia in Turchia. Ioanna Kúrtovik avvocato ha detto ad un quotidiano greco che le autorità turche cercheranno di tenere Bulut Andrianúpoli ad Adrianopoli.

Secondo un membro dell'organizzazione, sei turchi sono stati rapiti con le stesse modalità, da febbraio 2013.

2. Naomi Klein in Grecia

Giornalista e autorice canadese Naomi Klein è in visita in Grecia. Come parte di questo tour, ha partecipato al festival d b-fest, e ha anche visitato la fabbrica in Skuriés autogestita VioMe.
Nel corso di queste attività, Klein ha detto che i greci vivono in questo periodo la "Shock Economy" e ha elogiato la lotta della comunità locale in Skuriés contro la costruzione della miniera d'oro dalla società canadese Eldorado Gold oltre all'esperimento di
autogestione. Più specificamente, dopo aver trascorso una settimana a Skuriés, ha affermato di provare vergogna ad essere canadese [la società che cerca di sfruttare la miniera di Skuries è infatti canadese]
E ha aggiunto: "Il mio viaggio in Grecia è stata incredibile, ho conosciuto persone uniche che resistono a politiche barbare.", E ha esortato il sostegno di media indipendenti come radiobubble, dicendo che i media sono complici con i governi.

3. Divieto di incontri pubblici sulla base della dimensione

Con un decreto presidenziale e una legge che richiede la maggioranza parlamentare, il ministro dell'Ordine pubblico Nikos Dendias
ha proceduto ad approvare limitazioni al diritto di manifestare. Il decreto autorizza ciascun capo della polizia a determinare se le dimensioni di una manifestazione "disturbano" la vita socio-economica di una comunità e "se fanno male" all'interesse
"generale" commerciale ed economico di una città. Il ministro ha firmato il Giovedi un progetto di decreto presidenziale che modifica l'attuale legge del 1991 e se, come previsto, otterrà il nullaosta del presidente, significherà, sostanzialmente il divieto per manifestazioni di piccole dimensioni.

Secondo il decreto presidenziale "le assemblee devono essere condotte in modo tale da non arrecare disturbo al traffico" Infatti, nelle città con meno di 100.000 abitanti saranno diramate regole speciali per limitare le riunioni a " piccole riunioni."

Il ministro si è affrettato a firmare l'emendamento dopo l'incontro con il sindaco di Atene e rappresentanti delle imprese e del commercio, anche se Martedì 28 maggio aveva ricevuto il no di importanti sindacati e partiti e nonostante una iniziale marcia indietro.

4. Alba Dorata presenta progetto di legge per combattere il "razzismo contro i Greci"

Con un acceso dibattito in corso tra i politici greci sulla necessità di rafforzare leggi e regolamenti contro il razzismo, ben quattro disegni di legge sono in discussione presso il parlamento greco, presentate da vari schieramenti.

D'altra parte, il partito neo-nazista Alba Dorata, ha elaborato un disegno di legge che prevede leggi più severe per i reati commessi da immigrati clandestini in Grecia. Con la proposta di legge, Alba Dorata, sta cercando di criminalizzare la negazione del "genocidio contro i greci".

Il disegno di legge per "combattere il razzismo contro i Greci" è una risposta alla proposta di legge contro il razzismo proposto dal ministro della Giustizia Antonis Rupakiotis, che secondo le affermazioni di Alba Dorata, trasforma "i greci in una minoranza nel loro stesso paese ".

Il responsabile europeo di Human Rights Watch, Judith Sunderland, ha dichiarato: "Con le persone attaccate per le strade, la Grecia ha urgente bisogno di rafforzare la risposta della giustizia penale per crimini d'odio"

5. La censura della relazione dell'Unione dei fotogiornalisti della Grecia al Parlamento greco

Lunedi '3 giugno avrebbe dovuto essere presentata al Parlamento europeo una relazione di del sindacato greco dei fotogiornalisti dal titolo "La notizia sotto attacco" La relazione riflette la violenza persecutoria durante le manifestazioni greche a danno di fotografi ed operatori che coprono gli eventi. Secondo un comunicato congiunto (EFE per il suo acronimo in greco), la presentazione è stata annullata a poche ore dal suo inizio al Parlamento europeo, con la scusa di vizi di procedura
EFE sottolinea che la relazione che è stata preparata per più di sei mesi era in risposta ad un invito da parte del Parlamento
stesso, da parte di Marilenna Koppa vice presidente del parlamento europeo, a nome del partito socialdemocratico. Il EFE chiama giornalisti associazioni in tutto il mondo e la Federazione internazionale dei giornalisti a sostegno della lotta contro questo attacco causato dalla cancellazione della produzione della relazione al Parlamento europeo.

6. Le dichiarazioni di odio e le minacce di Vescovo Áncimos all'indirizzo del Gay Pride - arresti quotidiani di persone transgender in Tessalonica.

Il vescovo di Salonicco, Áncimos, ha rilasciato dichiarazioni piene di odio contro la comunità LGBT, 10 giorni prima del Gay Pride a Salonicco. Ha descritto l'evento come "vergogna, sfida e sintomo di corruzione". L'Arcivescovo ha minacciato indirettamente
gli organizzatori riferendosi ai violenti scontri del gay pride nella capitale della Georgia, dove molti sacerdoti cristiani hanno attaccato la manifestazione. Inoltre, l'associazione di sostegno alle persone transgender, ha riferito che dal 30 maggio gli arresti sono
contro transgender a Tessalonica, si sarebbero moltiplicati. La scusa per tali fermi è stata l'identificazione ed i sospetti di lavoro sessuale. Durante la loro detenzione, della durata di almeno 3-4 ore, il comportamento della polizia nei confronti delle persone transgender è stato caratterizzato da un atteggiamento discriminatorio.

7. Direttore della compagnia elettrica statale, minaccia clinica sociale

La settimana scorsa, è stato reso pubblico un caso che dimostra quali sono le priorità di funzionari governativi e dirigenti di ciò che resta dei servizi pubblici. In un sobborgo di Atene, da un anno e mezzo è attiva una clinica sociale che fornisce servizi sanitari ai bisognosi e disoccupati nella zona. Uno dei pazienti della clinica, disoccupato da cinque anni, si trova ad affrontare un taglio della fornitura di energia elettrica in casa, a causa della sua precaria situazione economica. A seguito dell'intervento della clinica e grazie alle reti sociali, è stata ripristinata la fornitura di energia elettrica. Tuttavia, l'ufficio stampa della società elettrica di Stato, ha inviato una mail minacciosa alla clinica, avvertendo che se seguono i social media per "imporre" le richieste che sono al di là delle leggi e dei valori etici, la società di fornitura di energia elettrica, avvierà una procedura legale contro l'organizzazione medica, a tutel della propria deontologia professionale e di quella delle migliaia di lavoratori dell'azienda ".

No comments:

Post a comment