Creative Commons License This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

Thursday, 18 July 2013

Notiziario dalla Grecia #12 - 13 luglio 2013

Nelle notizie internazionali de #rbnews questa settimana:
  • Dopo due anni e mezzo di carcere e 38 giorni di sciopero della fame, Kostas Sakkas è stato rilasciato su decisione del Consiglio d'Appello
  • Gli arresti arbitari dei residenti di Skuriés, provocano reazioni a Calcidia.
  • Tra le proteste generali iniziano le trasmissioni della nuova televisione pubblica greca mentre allo stesso tempo, gli ex dipendenti della ERT continuano con la pubblicazione del notiziario quotidiano.
  • Constantina Kuneva ottiene la prima vittoria in tribunale, dopo l'attacco ha sofferto nel 2008 a causa della sua attività sindacale.
1. Fine dello sciopero della fame di Kostas Sakkas

La Corte d'Appello ha deciso Giovedi che Kostas Sakkas potrebbe essere liberato , su cauzione, dopo 951 giorni di detenzione senza processo e 8 giorni di sciopero della fame.

Sakkas è stato arrestato il 4 dicembre 2010 ed è stato trattenuto in stato di detenzione preventiva con l'accusa di possesso illegale di armi da fuoco e partecipazione ad un gruppo terroristico. Il tempo della sua detenzione era stato esteso da 12 mesi a 18, poi due anni e mezzo e, infine, per un totale di tre anni oltre i limiti di legge e costituzionali per la detenzione preventiva. Il 4 giugno 2013, ha iniziato uno sciopero della fame per protestare contro la recente estensione della sua custodia per sei mesi.

La pressione dell'opinione pubblica ha svolto un ruolo importante nel garantire il rilascio di Sakkas. La campagna è stata intrapresa da sindacati, associazioni di avvocati ed altre organizzazioni della società civile chiedono il suo rilascio questa settimana. Tali organizzazioni comprendono Amnesty Internationale la ONG Medici del Mondo, che ha riferito che le guardie carceraria non hanno autorizzato la visita in ospedale a Sakkas. Molti gli eventi a sostegno, la scorsa settimana sui social network, ed un gruppo di personalità greche, tra cui giornalisti, accademici, artisti e diversi ex prigionieri politici dell'epoca dei Colonnelli, hanno annunciato Mercoledì che si terrà uno sciopero della fame in solidarietà con SAKKAS nel caso in cui il Consiglio Superiore della Magistratura non accordasse il rilascio . Nikos Juntís, europarlamentare di Syriza, ha anche presentato una interrogazione alla Commissione europea.

Diverse proteste si sono svolte in tutto il paese la scorsa settimana, per chiedere la liberazione dell'anarchico. Mercoledì scorso, un piccolo presidio vicino all'Acropoli, al quale hanno dato vita degli attivisti, al fine di informare i turisti in merito al caso di Sakkas, è stato brutalmente aggredito dalla polizia. Video catturati dai tweeter @ kinimatini e @ _giant_ mostrano poliziotti in moto che circolano tra la massa di manifestanti in una strada pedonale, proprio dove il Pnyx, culla dell'a antica democrazia, aggrediscono i manifestanti. 13 persone sono state fermate, di cui 3 sono state successivamente arrestati. Il processo è stato aggiornato al 18 agosto.

La decisione del Consiglio dei Magistrati di Appello che Giovedi è stata accolta con sollievo da parte del pubblico impegnato nella campagna per la liberazione di Sakkas, ma senza tralasciare le dure critiche per le rigide condizioni che sono state imposte, come ad esempio il divieto di lasciare il paese, l'obbligo settimanale di firma, ogni Lunedi, presso la stazione di polizia nella zona, una cauzione di 30.000 euro, il divieto di incontrare o di comunicare con i suoi co-imputati, la confisca del suo passaporto, residenza obbligatoria nella casa dei suoi genitori ed una limitazione al movimento, ristretto alla prefettura dell'Attica. È nato un movimento per raccogliere fondi per la cauzione di Sakkas. Nella notte di Giovedi scorso, Sakkas è stato trasferiti nell'area civile del Nikea General Hospital e, secondo testimoni, ha ripreso a mangiare cibo per la prima volta in 38 giorni. Non è ancora chiaro quali saranno le conseguenze fisiche che potrà subire Sakkas, a lungo termine, a causa del suo sciopero della fame.

2. Nuove tensioni in Skuriés

Le tensioni sono scoppiate nuovamente nel nord-est della Calcidia questa settimana, quando il pubblico ministero e il giudice che tratta il procedimento relativo dell'attacco incendiario su un edificio della società Oro Greco, lo scorso 17 febbraio 2013, ha ordinato che altri due residenti del villaggio di Ierissos rimangano in custodia. Il giudizio di questo incendio doloso, riguard 20 persone, identificate come sospette, di cui due erano già in carcere.

Secondo l'Osservatorio greco delle attività minerarie, chiamate "indizi di colpevolezza" dai due uomini che sono stati arrestati non sono supportati, e che uno di loro era sul Monte Athos nella notte del 17 febbraio, mentre le accuse contro il altro è basato su avere dieci chiamate senza risposta sul cellulare.

La notizia che i due uomini sono stati arrestati preventivamente scontri provocati davanti al tribunale dei Polygyros capitali regionali, dove la polizia ha sparato gas lacrimogeni per disperdere la folla. Il figlio di 15 anni di uno dei due arrestati è stato arrestato per aver aggredito la polizia alla notizia della prigionia di suo padre, mentre suo nonno è stato picchiato dalla polizia antisommossa. Più tardi altri scontri sono avvenuti intorno al villaggio di Megali Panaya dove lacrimogeni sparati dalla polizia insieme al fuoco a diversi alberi della foresta che circonda il villaggio. Un residente di 73 anni, che è stato gravemente ferito durante gli scontri, è stato arrestato dalla polizia.

La situazione nel nord est della Calcidica è stata esplosiva per oltre un anno a causa di un conflitto tra residenti locali e la società di estrazione dell'oro greco e della sua controllante, canadese, la Eldorado Gold. Le società minerarie vogliono sviluppare una miniera di oro e rame su larga scala nella zona, in particolare nella foresta di Skuriés , un'area di eccezionale biodiversità e di bellezze naturali. Per fare questo, hanno il sostegno del governo e dei politici greci, che ritengono tali investimenti, la solzuzione per far uscire il paese dalla crisi. Residenti locali e organizzazioni scientifiche indipendenti si oppongono ai piani minerari, sostenendo che causerà enormi ed irreparabili danni per l'ambiente e per l'economia locale, indicando che il trasferimento dei diritti di estrazione di oro greco è un scandalo politico e finanziario.

3. Continua il blackout di ERT

L'emittente televisiva pubblica greca, ERT, continua a trasmettere su internet ed ora anche in Grecia su frequenze analogiche, un mese dopo che il governo ha ordinato la chiusura. Queste trasmissioni clandestine sono resi possibili grazie al sostegno della European Broadcasting Union, che trasmette il segnale dal ERT attraverso il televisore. Il governo, tuttavia, è attivo per ridurre ulteriormente le trasmisioni. L'8 luglio, polizia e tecnici, hanno spento i trasmettitori sull'isola di Cefalonia, mentre azioni simili sono stati impedite nelle città di Patrasso e di Chania dall'assembramento di gruppi di cittadini che proteggevano i trasmettitori.

Martedì sera è emerso che il governo aveva cominciato a trasmettere in digitale i programmi di ERT dal Mercoledì scorso, con l'aiuto delprovider DIGEA, un consorzio di sei grandi televisione private greche. In realtà, Mercoledì mattina, frequenze digitali ERT hanno trasmesso con il logo di "TV pubblica greca", in onda dagli studi di Jristos y Ninos Elmatzoglu. La società è in parte di proprietà di Pegasus, che detiene il canale Mega , il più grande canale privato in Grecia, e in parte di proprietà di Lambrakis del Gruppo Giornalistico, altro importante polo mediatico, privato ​​in Grecia. Gli studi di registrazione della tv pubblica sono stati utilizzati per anni da parte del gruppo Mega. Inoltre, il vice ministro responsabile della emittente pubblica, Pantelis Kapsisper i suoi trascorsi da giornalista, ha stretti legami con entrambi i gruppi, tanto con Mega TV quanto con Lambrakis del Gruppo Giornalismo.

Il paradosso di quella che viene chiamata la televisione pubblica, nonostante le trasmissioni avvengano da studi privati, ​​di proprietà di gruppi vicini al Vice Ministro, non è passato inosservato al personale di ERT, che ha sollevato diverse questioni legali. Hanno chiesto se "la televisione pubblica greca" è stata riconosciuta dal Consiglio Nazionale della Radio e della Televisione, se si disponga di una licenza per trasmettere e come è possibile che il fornitore di servizi digitali DIGEA e la società Telecomunicazioni Greca possa trasmettere il proprio segnale senza alcuna licenza, e chi sta pagando gli stipendi dei lavoratori che operano presso il centro di trasmissione. Il governo non ha fornito alcuna risposta a queste domande.

Un altro problema giuridico riguardante la questione delle trasmissioni da parte della "TV pubblica greca," è il fatto che un gran numero di artisti hanno annunciato, al momento della chiusura di ERT, che a nessun nuovo operatore sarebbe stato accordato il permesso di utilizzare il loro lavoro. Tuttavia, ciò non ha impedito che il nuovo canale di trasmissione, nel suo primo giorno di funzionamento, trasmettesse un film del regista Roviros Manduliss che ha già annunciato la richiesta di 20.000 € di danni allo Stato.

Nel frattempo, i tre principali sindacati dei giornalisti hanno protestato, ​​Giovedi contro la situazione della "televisione pubblica greca", mentre la Federazione Panellenica dei Giornalisti ha annunciato che avrebbe partecipato allo sciopero ad oltranza se la tv pubblica greca non avesse interrotto le trasmissioni.

4. Giustizia per Konstantina Kuneva

Un tribunale del Pireo questa settimana ha ordinato all'azienda sanitaria OIKOMET di pagare 250.000 € di danni a Konstantina Kuneva, riconoscendo la responsabilità della società durante l'aggressione nel dicembre 2008.

Konstantina Kuneva, una cittadina bulgara, si era trasferìta in Grecia nel 2001. E 'stata Segretaria Generale del sindacato di Attica ed ha ricevuto numerose minacce per le sue attività sindacali. Nel tardo pomeriggio del 22 dicembre 2008, mentre al ritorno dal lavoro, è stata aggredita da due uomini che hanno versato dell'acido su di lei e la costrinse a bere un po 'troppo acido. La decisione del tribunale ha riconosciuto l'aggressione come un incidente sul lavoro ed individuato la responsabilità parziale in capo al suo datore di lavoro, che aveva rifiutato le richieste di cambio di turno a causa delle minacce ricevute.

L'avvocato di Kouneva ha detto che il risarcimento del danno servirà come aiuto per pagare le cure mediche a Parigi, dove una serie di interventi chirurgici sono stati necessari per ripristinare la sua salute. Non è chiaro se OIKOMET intende impugnare la decisione del tribunale. Inoltre, si segnala che cinque anni dopo l'assalto, non sono stati ancora identificati i responsabili.

No comments:

Post a comment